INTER CLUB ROMA 11 STELLE
fondato nel 1975

 

Il Meglio di Peppino Prisco

In questa pagina vogliamo ricordare il nostro sempre caro Peppino Prisco con alcune delle
sue proverbiali battute che non potranno mai essere dimenticate dal vero tifoso INTERISTA!!

Giuseppe Prisco, nasce a Milano il 10 dicembre 1921, di origini napoletane. Muore a Milano il 12 dicembre 2001.

Interista dichiarato dal 1929, domenica di un derby (vinto) sul campo di via Goldoni.

I suoi amori: l'Inter, gli Alpini, l'avversario del Milan, l'avversario della Juve.

Ha vinto: 11 scudetti, 4 coppe italia, 4 supercoppe italiane, 2 coppe dei campioni, 2 coppe intercontinentali, 3 coppe uefa.

"Ho una scaramanzia. La domenica compro la "Settimana Enigmistica" e cerco
di risolvere i quesiti della sfinge. Credo che riuscendoci l'INTER poi vinca".

L'interista più simpatico. "Giacinto Facchetti. Fece un gol al Napoli in mezzo alla nebbia
e venne a cercarmi a bordo campo per abbracciarmi. Ci mise tre minuti per trovarmi"

I rossoneri retrocessi. "Il Milan in B. E per ben due volte!!: una...a pagamento
e una...gratis. Sono dell'idea che una retrocessione cancelli almeno cinque scudetti conquistati
e che la vittoria di una Mitropa Cup elimini i residui!!"

E ancora li Milan in B. "Vedere Milan-Cavese 1-2 del 1983 in televisione,
con i cugini in B è una cosa che fa molto bene a chi è malato!"

Prisco e il DNA nerazzurro. "Tutti i miei figli sono interisti.
Una volta mi hanno chiesto se mio figlio Luigi avesse tifato per il Milan.
Ho risposto: lui ha gli occhi azzurri ed è chiaro di capelli, mentre io ero scuro e ho gli occhi neri.
Se Luigi avesse tifato Milan, avrei chiesto la prova del sangue. Perchè a quel punto
non mi sarei fidato neanche di mia moglie!"

La vittoria più emozionante. "Le tre coppe Uefa, la prima perdendo il ritorno a Roma per 1-0
e soffrendo terribilmente. Il giorno dopo mia figlia lesse sui giornali: Aggredito Peppino Prisco.
Arrivai a casa a quasi si stupì che fossi vivo. In realtà mi avevano tirato un'asta di una bandiera,
roba da nulla"

Prisco e il razzismo. "Io sono contro ogni forma di razzismo, ma mia figlia
in sposa a un giocatore del Milan non la darei mai!!"